La Rivista del Sindaco


Orario degli esercizi commerciali: nei poteri del sindaco regolarli

La Rivista del Sindaco 30/04/2019 Territorio e governo locale

Il Consiglio di Stato si è pronunciato in materia della facoltà di disciplinare gli orari di apertura e chiusura delle attività commerciali da parte del sindaco di un comune. A chiarire che questo rientra nei poteri di un sindaco è stata la sentenza n 1567/2019.

Dei commercianti del Lazio si sono ritrovati a dover modificare gli orari di apertura e chiusura delle proprie attività (e in generale delle attività produttive insistenti sul territorio) in seguito ad un'ordinanza sindacale. Convinti che il sindaco avesse utilizzato in eccesso i suoi poteri amministrativi, sono ricorsi al Tar del Lazio impugnando l'ordinanza. Studiata l'ordinanza, il Tar non l'ha giudicata idonea ma urgente e contingibile, quindi non idonea a portare ad una regolamentazione degli orari degli esercenti. Convinto delle sue ragioni, il Comune ha seguito la via del ricorso, motivandolo e incentrandolo come "errores in iudicando riconducibile al travisamento dei presupposti, alla violazione dell'articolo 50, comma 7, del Dlgs 267/2000 e alla violazione dell'articolo 11 del Dlgs 114/1998".

La sentenza del Tar del Lazio è stata quindi ribaltata dai giudici di palazzo Spada che hanno smentito la natura urgente e contingibile, affermando che si trattava invece di un'ordinanza a carattere regolatorio e ordinario, in quanto destinata a "coordinare e riorganizzare (in base all'articolo 50 comma 7 del decreto legislativo 267/2000) gli orari degli esercizi commerciali e dei pubblici esercizi". La sentenza non si addentra molto nel merito della relazione tra la legislazione di liberalizzazione degli orari di esercizio delle attività e il potere del sindaco di regolare questi ultimi come previsto dal comma 7, articolo 50, DLgs 267/2000. Si possono però trarre delle conclusioni da quanto stabilito dal Consiglio di Stato: pur non essendo stato sottratto al sindaco il suo potere di regolazione degli orari verso le attività artigianali o commerciali, questo deve seguire strettamente le tensioni emergenti dal territorio di sua competenza, con una normativa che ne vincola la capacità di manovra.


Articolo di La Posta del Sindaco


Articoli Correlati

imagine
  17/06/2021       Territorio e governo locale
imagine
  25/09/2020       Territorio e governo locale
imagine
  25/06/2020       Territorio e governo locale
imagine
  16/01/2020       Territorio e governo locale
Torna alla Rivista del Sindaco

Ultimi aggiornamenti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale