la posta del sindaco
Accedi Registrati

Trasmissione atto di nascita di una minore nata all'estero

Risposa al quesito del Dott. Pasquini Agostino

Quesiti

DOMANDA:

Il consolato di Marsiglia ci trasmette una copia integrale di atto di nascita di una minore (figlia naturale) nata nel 2013 in Francia, riconosciuta dalla madre ghanese. Nell’atto sono contenute 2 annotazioni, una di riconoscimento da parte del padre italiano (nostro AIRE) e l’altra di cambio di cognome (su richiesta congiunta dei genitori viene anteposto il cognome del padre a quello della madre) entrambe in data 22/04/2014. In allegato è stato trasmesso un ulteriore atto di riconoscimento effettuato presso il Consolato nel 2018 da parte del padre (alla presenza della madre che ha dato il proprio assenso).

Domande: 1 - Ha valore un riconoscimento fatto a bambina già riconosciuta, seppure in un altro Stato ? 2 - Se ha valore, dobbiamo trascriverlo in un atto a parte, prima o dopo l’atto di nascita? 3 - L’annotazione del 1^ riconoscimento va omessa ? 4 – Riguardo al cognome, per la legge italiana è il Tribunale dei Minorenni che decide. Dobbiamo mandare l’atto specificando la volontà già espressa dai genitori e risultante da apposita annotazione sull’atto di nascita ?

 

 

 

RISPOSTA:

Un riconoscimento effettuato all’estero è formalmente valido se effettuato innanzi ad un pubblico ufficiale o per atto pubblico e necessita, per essere preso in considerazione del consenso del genitore che per primo aveva effettuato il riconoscimento.

 

Dall’annotazione apposta a margine dell’atto di nascita non si ricava alcuna informazione ma il fatto che il Consolato italiano abbia ricevuto una dichiarazione di riconoscimento successiva è segno che il primo riconoscimento effettuato non è stato ritenuto idoneo per la legge italiana.

 

Il suggerimento è quello di procedere alla trascrizione dell’atto di nascita originale (senza riconoscimento paterno) ed all’apposizione dell’annotazione relativa al secondo riconoscimento resi innanzi all’autorità consolare (riconoscimento che non dovrà essere trascritto ma direttamente annotato). 

 

Si dovrà poi predisporre un’attestazione di cittadinanza del sindaco nella quale si darà atto che ai sensi dell’art. 2 comma 1 della legge 91/1992, il minore in seguito al riconoscimento da parte del cittadino italiano, ha acquistato la cittadinanza italiana.  L’attestazione dovrà essere trascritta nei registri degli atti di cittadinanza ed annotata a margine dell’atto di nascita.

 

La decisione sul cognome spetta al Tribunale ordinario (non più dei minorenni) al quale sarà presentata la richiesta di attribuzione cognome ai sensi dell’art. 262 del c.c.

 

Potete provare ad inoltrare la richiesta d’ufficio sulla base della volontà espressa dai genitori nell’atto di nascita; generalmente però il Tribunale dispone sul cognome sulla base di una richiesta diretta da parte dei genitori ed è necessario che gli stessi presentino istanza direttamente o a mezzo procuratore.

 

La risposta a questo quesito, redatta dai nostri esperti, è visibile solo agli utenti iscritti al sito La Posta del Sindaco.
Per richiedere l'accesso, cliccare qui.

In caso di problemi di accesso, contattare registrazione@postadelsindaco.it
Per effettuare una nuova registrazione, cliccare qui.

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Chiedi nel Forum oppure Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è un servizio rivolto ad amministratori ed enti locali: ricco di notizie e dati il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, consultare e confrontare i bilanci e i dati finanziari degli enti territoriali in modo semplice e veloce. L'obiettivo è fornire informazioni, materiali, contributi per una gestione efficiente e trasparente degli Enti Locali

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale