Parere sull' inderogabilità limite fatturato per in house

Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per la Lombardia – Deliberazione 8 marzo 2019, n. 87

Servizi Comunali Fatturazione

MASSIMA 

La Corte dei Conti con  la sentenza n. 87 dell'8 marzo 2019, esprime un parere in merito all'inderogabilità della previsione, del d.lgs. n. 175/2016 (TUSP), che oltre l’80 per cento del fatturato delle società in house sia effettuato nello svolgimento dei compiti ad essa affidati dall’ente pubblico o dagli enti pubblici soci. Condividendo la giurisprudenza espressa dal Giudice amministrativo con riguardo al comma 3-bis dell’art 16 del d.lgs. n. 175/2016 (TUSP), non ritiene che la sua lettura coordinata con il disposto del comma 4 dell’articolo 4 del TUSP autorizzi a derogare al limite quantitativo stabilito dal comma 3, dell’art. 16, ma consente soltanto di svolgere attività ulteriori, “finalità diverse”, rispetto a quelle indicate nel comma 2 del medesimo art. 4, nell’osservanza comunque delle condizioni e dei limiti dallo stesso comma 3-bis indicati. Non vi è dunque possibilità di deroga alla percentuale dell’80 per cento prevista dal comma 3.


Scritto il 08/04/2019 , da Redazione: Galli Gianluca

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale