Approfondimento di Giovanni Torselletti

Relazione sulla performance

Servizi Comunali Performance

Approfondimento di Giovanni Torselletti                                                                       

Relazione sulla performance

Giovanni Torselletti

Entro il prossimo 30 giugno le amministrazioni pubbliche, in attuazione di quanto disposto dall’art. 10, comma 1, lettera b) del d.lgs. 150/2009, come modificato dal d.lgs. 74/2017, dovranno  redigere e pubblicare sul proprio sito istituzionale la relazione annuale sulla performance, approvata dall’organo di indirizzo politico-amministrativo e validata dall’OIV.

Per rispettare la scadenza dell’adempimento, è necessario che tale relazione, che deve evidenziare, a consuntivo, con riferimento all'anno precedente, i risultati organizzativi e individuali raggiunti rispetto ai singoli obiettivi programmati ed alle risorse, con rilevazione degli eventuali scostamenti, venga predisposta, tenendo conto dei tempi necessari per la sua approvazione da parte dell’organo politico amministrativo e la sua validazione da parte dell’OIV, come raccomandato dal dipartimento della Funzione Pubblica con la nota circolare del 29 marzo scorso.

La relazione, che costituisce la rendicontazione dei risultati agli organi di indirizzo politico-amministrativo, ai vertici delle amministrazioni, agli organi di controllo interni ed esterni, ai cittadini, ai soggetti interessati, agli utenti e ai destinatari dei servizi, rappresenta l’ultima delle fasi attraverso le quali si articola il ciclo della performance, che si apre con l’individuazione e l’assegnazione degli obiettivi da perseguire e continua con l’attribuzione delle risorse necessarie al loro raggiungimento, con il monitoraggio costante del regolare svolgimento delle attività in funzione degli obiettivi fissati, operando, se necessario, interventi correttivi, con la misurazione e valutazione della performance, sia organizzativa che individuale, con l’utilizzo dei sistemi premianti, secondo criteri di valorizzazione del merito (Art. 4, c. 2, d.lgs. 150/2009).

E’ opportuno ricordare che la mancata adozione del piano della performance comporta pesanti sanzioni sia a carico dei dirigenti responsabili che dell’amministrazione e che vanno tempestivamente comunicate al Dipartimento della funzione pubblica le ragioni di eventuali ritardi nell’adozione sia del piano che della relazione della performance (Art. 10, c. 5, d.lgs. 150/2009).

28 maggio 2018


Scritto il 04/06/2018 , da Torselletti Giovanni

Approfondimenti

Articoli correlati

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale