Mobilità volontaria

Risposta al quesito del dott. Fabio Venanzi

Quesiti

È stato indetto un avviso /domanda DI MOBILITA' VOLONTARIA ai sensi dell’art. 30 del D.lgs. 165/2001 e s.m.i. per la copertura DI n. 1 posto A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO di "ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO " - CATEGORIA D -  DA ASSEGNARE ALL’AREA AMMINISTRATIVA .

 

Il bando richiede i seguenti requisiti:

Art. 1 - Requisiti. Alla procedura di mobilità possono partecipare i dipendenti di ruolo delle Pubbliche Amministrazioni di cui all’art.1, comma 2, del D.Lgs. 165/2001 e successive modifiche ed integrazioni in possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, dei seguenti requisiti: • essere dipendente a tempo pieno ed indeterminato presso una Pubblica Amministrazione di cui all’art.1, comma 2, del D.Lgs.n.165/2001 e s.m.i. sottoposta a regime di limitazione per assunzione di personale ai sensi dell’art.1, comma 47, della Legge n.311/2004 ;

• essere inquadrati nella categoria giuridica e nel profilo professionale pari o equivalente a quello oggetto della presente procedura in caso di provenienza dal medesimo comparto, stessa categoria giuridica e profilo riconducibile all’area lavorativa in caso di provenienza da diverso comparto da almeno 36 mesi;

A) essere in possesso del seguente titolo di studio:

● diploma di laurea vecchio ordinamento (DL) ;

● diploma di laurea SPECIALISTICA (LS);

 ● diploma di laurea MAGISTRALE (LM);

 

DOMANDA:

Può partecipare alla mobilità volontaria un dipendente a tempo indeterminato cat. Giuridica D1,economica D2 profilo professionale istruttore direttivo tecnico, con laurea in Architettura, in servizio dal 04/04/2006.

 

Risposta

L’avviso di mobilità costituisce lex specialis. L’avviso avrebbe dovuto precisare le classi di laurea magistrale o specialistica o i diplomi del vecchio ordinamento che potevano partecipare alla selezione (anziché prevedere il solo possesso generico del titolo di studio). Avendo previsto profilo professionale “pari o equivalente”, ai sensi dell’articolo 2103 del codice civile, si ritiene che le mansioni siano da considerarsi equivalenti e come tale l’istante ha diritto a partecipare alla selezione.

 16 luglio 2018 – Fabio Venanzi

 


Scritto il 18/07/2018 , da Venanzi Fabio

Quesiti

Articoli correlati

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale