Arrotondamento dei diritti di segreteria applicati a pratiche edilizie

Risposta del Dott. Mario Petrulli

Quesiti

Arrotondamento dei diritti di segreteria applicati a pratiche edilizie.

Si chiede se sia ammesso l'arrotondamento ad unita di euro oppure se gli stessi debbano essere applicati per l'esatto ammontare derivante dal conteggio in rapporto alle superfici connesse all'intervento edilizio.

Risposta

Nel caso specifico trova applicazione l’art. 13-quater del Decreto Legge 24 aprile 2017, n. 50, contenente “Disposizioni urgenti in materia finanziaria”, secondo cui:

1. A decorrere dal 1° gennaio 2018 è sospeso il conio da parte dell'Italia di monete metalliche in euro di valore unitario pari a un centesimo e a due centesimi di euro. Il risparmio derivante dall'attuazione del presente comma è destinato al Fondo per l'ammortamento dei titoli di Stato.

2. Durante il periodo di sospensione di cui al comma 1, quando un importo in euro costituisce un autonomo importo monetario complessivo da pagare e il pagamento è effettuato integralmente in contanti, tale importo è arrotondato, a tutti gli effetti, per eccesso o per difetto, al multiplo di cinque centesimi più vicino.

3. Tutti i soggetti pubblici o incaricati di pubblici uffici o di pubblici servizi, compresi i loro concessionari, rappresentanti, mandatari o agenti, sono autorizzati, senza necessità di ulteriori provvedimenti o determinazioni, ad acconsentire all'arrotondamento di cui al comma 2 in relazione a qualunque autonomo importo monetario in euro a debito o a credito.

Trattasi, a mio avviso, di norma applicabile anche alla riscossione dei diritti di segreteria.

È bene, tuttavia, precisare che:

  • la scelta non può considerarsi strettamente obbligatoria per legge ma una facoltà dell’ente locale, da esercitare discrezionalmente (e nella prassi sono numerosi gli enti che hanno provveduto in tal senso);
  • è necessaria apposita e motivata delibera di Giunta: la motivazione, oltre a richiamare la norma prima citata, può essere basata, ad esempio, sulla volontà di semplificare gli adempimenti relativi ai pagamenti, sia per i cittadini sia per gli uffici;
  • è necessario che, nel caso di arrotondamento al ribasso, si verifichi che i riflessi negativi in termini economici non determinino uno squilibrio finanziario per l’ente e, nel caso, prevedere gli opportuni adeguamenti per il mantenimento degli equilibri (ad esempio, una contestale previsione di riduzione di spese).

4 novembre 2022          Mario Petrulli

 

Per i clienti Halley: ricorrente QR n. 4328, sintomo n. 4383


Scritto il 09/11/2022 , da Petrulli Mario

Quesiti

Articoli correlati

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale