Accantonamento al Fondo di garanzia debiti commerciali

Risposta del Dott. Ennio Braccioni

Quesiti

Tema FGDC: - al 31/12 il mio debito commerciale scaduto è pari a ZERO, - ho tempi di ritardo nel pagamento tra gli 11 e i 30 giorni, Domanda sul bilancio di previsione (o in variazione entro il 28/02) sono tenuto a stanziare l'accantonamento a FGDC o NON sono tenuto?

Risposta

La legge n. 145/2018 (comma 859 e successivi) ha introdotto l’obbligo di accantonamento al Fondo di garanzia debiti commerciali per due fattispecie diverse: in caso di mancata riduzione dello stock di debito commerciale residuo per almeno il 10% ovvero per il mancato rispetto dei tempi di pagamento. Nel primo caso la misura dell’accantonamento è pari al 5% della spesa per beni e servizi (ma tale accantonamento non si applica se il debito commerciale residuo scaduto rilevato alla fine dell’anno precedente non supera il 5% del totale delle fatture ricevute nel medesimo esercizio, come è appunto il caso di codesto ente), nel secondo caso la percentuale da applicare è diversificata in funzione della gravità del ritardo; il comma 863 della citata legge n. 145/2018 ne stabilisce la misura in un importo pari:

a) al 5 per cento degli stanziamenti riguardanti nell'esercizio in corso la spesa per acquisto di beni e servizi, in caso di mancata riduzione del 10 per cento del debito commerciale residuo oppure per ritardi superiori a sessanta giorni, registrati nell'esercizio precedente;

b) al 3 per cento degli stanziamenti riguardanti nell'esercizio in corso la spesa per acquisto di beni e servizi, per ritardi compresi tra trentuno e sessanta giorni, registrati nell'esercizio precedente;

c) al 2 per cento degli stanziamenti riguardanti nell'esercizio in corso la spesa per acquisto di beni e servizi, per ritardi compresi tra undici e trenta giorni, registrati nell'esercizio precedente;

d) all'1 per cento degli stanziamenti riguardanti nell'esercizio in corso la spesa per acquisto di beni e servizi, per ritardi compresi tra uno e dieci giorni, registrati nell'esercizio precedente.

Alla luce delle disposizioni sopra ricordate codesto ente - che presenta un tempo di ritardo tra gli 11 e i 30 giorni -  è tenuto ad accantonare il 2% degli stanziamenti di spesa per beni e servizi, al netto degli stanziamenti di spesa che utilizzano risorse aventi specifico vincolo di destinazione.

11 ottobre 2022             Ennio Braccioni

 

Per i clienti Halley: ricorrente QR n. 4296, sintomo n. 4351


Scritto il 15/10/2022 , da Braccioni Ennio

Quesiti

Articoli correlati

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale