Pausa pranzo nell’ambito della fascia di flessibilità

Risposta del Dott. Giovanni Giannini

Quesiti

Nelle disposizioni inerenti l'orario di lavoro vigenti presso il nostro Ente, è prevista una fascia oraria di flessibilità in ingresso ed in uscita. In particolare in riferimento ai giorni di non rientro da 6 ore c’è la possibilità di entrare dalle 7.30 alle 8.30 e la possibilità di uscire dalle 13.30 alle 14.30.

Nel caso in cui il lavoratore si trattenga per un periodo superiore alle 6 ore, ad esempio per 6 ore e 15 minuti dalle 8.00 alle 14.15, si chiede se la pausa pranzo debba essere tassativamente calcolata dopo le 6 ore e un minuto. In tal senso il dipendente non accumulerebbe 15 minuti di flessibilità positiva e, nel caso opposto, per recuperare 15 minuti di flessibilità negativa deve restare a lavoro 6 ore e 45 minuti di cui 30 minuti di pausa pranzo.

Contestualmente si chiede se sia errato non applicare la pausa pranzo nell’ambito della fascia di flessibilità, lasciando quindi la possibilità di accumulare flessibilità positiva già dopo le 6 ore e un minuto.

Risposta

La disciplina del D.lgs. 66/2003 prevede che qualora l’orario lavorativo ecceda il limite delle 6 ore il lavoratore deve beneficiare di un intervallo per pausa, rimandando alla contrattazione collettiva le particolari caratteristiche della pausa. Il CCNL delle funzioni locali prevede che qualora la prestazione di lavoro giornaliera ecceda le sei ore, il personale, purché non in turno, ha diritto a beneficiare di una pausa di almeno 30 minuti al fine del recupero delle energie psicofisiche e della eventuale consumazione del pasto.

A parere di chi scrive, soffermandosi sulla disposizione contrattuale che prevede che “la durata della pausa e la sua collocazione temporale, sono definite in funzione della tipologia di orario di lavoro nella quale la pausa è inserita, […]” pare ragionevole affermare che la pausa possa essere riconosciuta anche al termine della prestazione lavorativa, essendo impossibile prevedere una diversa collocazione temporale della pausa dovuta all’imprevedibilità della durata della prestazione. Inoltre non verrebbe meno la funzione principale di tali pause ovvero il recupero delle energie psicofisiche.

Di conseguenza è corretto cumulare flessibilità positiva già dopo 6 ore e 1 minuto.

28 settembre 2022         Giovanni Giannini

 

Per i clienti Halley: ricorrente QP n. 4860, sintomo n. 4970


Scritto il 05/10/2022 , da Giannini Giovanni

Quesiti

Articoli correlati
Orario di lavoro

ARAN – Orientamento applicativo Comparto Funzioni locali pubblicato in data 16 gennaio 2023 – CFL202

Orario di lavoro

ARAN – Orientamento applicativo Comparto Funzioni locali pubblicato in data 16 gennaio 2023 – CFL200

Orario di lavoro

ARAN – Orientamento applicativo Comparto Funzioni locali pubblicato in data 16 gennaio 2023 – CFL197

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale