Istituzione di un capitolo di entrata con stanziamento pari a zero

Risposta del Dott. Ennio Braccioni

Quesiti

L’istituzione di un capitolo di entrata, con stanziamento pari a zero, al solo fine di poter accertare ed emettere l’ordinativo di incasso, può avvenire tramite determinazione del Resp. Finanziario o altro Resp. in base al regolamento di contabilità dell'Ente? TUEL Art- 175 Comma 2: Le variazioni al bilancio di previsione sono di competenza dell’organo consiliare salvo quelle previste dai commi 5-bis e 5-quater. Riprendendo il comma 5-quater lettera e), che si riporta di seguito, tale possibilità sembra sia limitata solamente ai capitoli delle partite di giro in senso lato. Le variazioni necessarie per l’adeguamento delle previsioni, compresa l’istituzione di tipologie e programmi, riguardanti le partite di giro e le operazioni per conto di terzi.

Risposta

La disposizione recata dal comma 5-quater, lettera e), dell’articolo 175 del TUEL è sì limitata alle partite di giro e alle operazioni per conto terzi (titolo 9 dell’entrata e 7 della spesa), ma riguarda “” ... l’adeguamento delle previsioni ...””, e cioè le variazioni degli stanziamenti, di competenza e/o di cassa.

Cosa diversa è la semplice istituzione in sede di gestione di un capitolo, sia esso di entrata che di spesa, con stanziamento a zero, che proprio perché presenta stanziamento a zero non comporta alcuna variazione quantitativa ai documenti contabili, essendo tale istituzione limitata a registrare il numero e la descrizione del capitolo stesso: si veda al riguardo il paragrafo 3.4 del principio contabile applicato n. 4/2 che espressamente prevede che “”... Nel caso di accertamento e/o riscossione di entrate per le quali, in bilancio, non è prevista l’apposita “tipologia di entrata” e non è possibile procedere alla variazione del bilancio essendo scaduti i termini di legge, l’operazione è registrata istituendo, in sede di gestione, apposita voce, con stanziamento pari a zero“”.

Proprio perché la istituzione di un capitolo di tal genere non comporta alcuna variazione ai documenti contabili, ma rappresenta un atto meramente gestionale, è da ritenere più che sufficiente al riguardo la adozione di una determinazione del Responsabile del Servizio Finanziario (o di altro Responsabile della spesa, se previsto dal regolamento dell’Ente).

6 settembre 2022          Ennio Braccioni

 

Per i clienti Halley: ricorrente QR n. 4246, sintomo n. 4301


Scritto il 17/09/2022 , da Braccioni Ennio

Quesiti

Articoli correlati

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale