Co-progettazione con enti del terzo settore

Risposta del Dott. Pietro Salomone

Quesiti

In fase di co-progettazione con enti del terzo settore è legittimo che uno di essi proponga la realizzazione di un servizio al pubblico che prevede un costo di iscrizione a favore dello stesso Ente del terzo settore proponente? (es. realizzazione di servizi educativi  con iscrizione a pagamento).

Risposta

Non si ritiene corretta la scelta, in fase di progettazione, dell’Ente del terzo settore che attuerà il servizio pubblico a pagamento. L’individuazione degli enti del Terzo settore da coinvolgere nel partenariato dovrà avvenire attraverso procedimenti ex articolo 12 della legge n.241/1990, rispettosi dei principi di trasparenza, imparzialità, partecipazione e parità di trattamento.

Il ruolo dell’amministrazione, come già enunciato dalla delibera ANAC n. 32/2016, è quello di predeterminare a monte gli obiettivi generali e specifici del progetto, la durata e le caratteristiche essenziali dello stesso, nonché dei criteri e delle modalità per l’individuazione degli enti partner, mediante procedure ad evidenza pubblica.

Individuato l’ente o gli enti partner, lo sviluppo dell’attività vera e propria di co-progettazione non potrà riguardare aspetti caratterizzanti del progetto ma esclusivamente modalità attuative e non potrà produrre modifiche al progetto tali che, se originariamente previste, avrebbero potuto determinare una diversa individuazione del partner.

La co-progettazione è un procedimento amministrativo, che terminerà in un accordo di collaborazione (un accordo procedimentale disciplinato dall’art. 11 della L. 241/1990, già richiamato dall’ANAC nelle linee guida sopra citate), conclusivo del procedimento e sostitutivo del provvedimento finale.

Preme infine ricordare che l’art 4 comma 1 lett.b della legge delega n. 106/2016 definisce il seguente criterio “individuare le   attività   di   interesse   generale   che caratterizzano gli enti del Terzo settore, il cui svolgimento, in coerenza con le previsioni statutarie e attraverso modalità che prevedano le più ampie condizioni di accesso da parte dei soggetti beneficiari, costituisce requisito per l’accesso alle agevolazioni previste dalla normativa..”.  Pertanto compito della P.A. è di consentire ampie condizioni di accesso da parte dei soggetti beneficiari (cittadini) con un costo di iscrizione irrisorio o nullo.

15 marzo 2022             Pietro Salomone 

 

Per i clienti Halley: ricorrente QS n. 2176, sintomo n. 2249


Scritto il 19/03/2022 , da Salomone Pietro

Quesiti

Articoli correlati

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale