Collocamento a riposo dipendenti con oltre 42 anni e 10 mesi di servizio e con età inferiore a 67 anni

Risposta del Dott. Cristoforo Di Lorenzo

Quesiti

I dipendenti che hanno oltre 42 anni e 10 mesi di servizio e non hanno 67 anni, devono andare in pensione obbligatoria?

Risposta

Se il dipendente ha anche raggiunto i 65 anni di età la risposta è sì, come stabilito dalla Circolare n. 2 del 19.02.2015 del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione (Funzione Pubblica), intervenuta in materia dopo che l’art. 1 del Decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, aveva di fatto abolito l’istituto del trattenimento in servizio dei dipendenti della pubblica amministrazione.

Detta circolare n. 2 del 19.02.2015 all’art. 1, secondo comma, così recita: ”…Con l’entrata in vigore delle recenti modifiche il sistema prevede la risoluzione del rapporto di lavoro: obbligatoria, per coloro che hanno maturato i requisiti per la pensione di vecchiaia ovvero il diritto a pensione anticipata, avendo raggiunto l’età limite ordinamentale…”.

Pertanto, la risoluzione  unilaterale del rapporto di lavoro, come nel caso prospettato dal quesito, può essere applicata nei confronti di coloro che hanno maturato la massima anzianità contributiva, oggi prevista  in 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne e contemporaneamente, raggiunto il limite ordinamentale per la permanenza in servizio, che è posto a 65 anni,  come stabilito dall’art, 4 del D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1092, per i dipendenti dello Stato e dall’art. 12 della L. 20 marzo 1975, n. 70, per i dipendenti degli enti pubblici.

Per completezza di informazione ritengo utile aggiungere che è corretto, da parte dell’Amministrazione, informare con congruo anticipo (6 mesi) il dipendente che, così, potrà presentare domanda di pensione anticipata all’INPS. In questi casi la pensione potrà decorrere dal giorno successivo al compimento dei 65 anni, senza dover aggiungere la finestra mobile dei 3 mesi. In sede di richiesta di liquidazione del TFS, inoltre, la circostanza della “risoluzione obbligatoria del rapporto di lavoro”, operata dall’Ente, dovrà essere dichiarata tramite adeguata documentazione allegata (determinazioni e/o deliberazioni), in quanto questo comporterà la liquidazione del TFS a un anno (+3 mesi) dalla data di pensionamento anziché 2 anni (+3 mesi).

14 marzo 2022              Cristoforo Di Lorenzo

 

Per i clienti Halley: ricorrente QP n. 4224, sintomo n. 4335


Scritto il 17/03/2022 , da Di Lorenzo Cristoforo

Quesiti

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale