La scelta di non erogare più i buoni pasto dipende unilateralmente dal datore di lavoro

Corte di Cassazione Civile, Sezione Lavoro – Sentenza 28 luglio 2020, n. 16135

Servizi Comunali Buono pasto

MASSIMA

La Corte di Cassazione, con l'ordinanza n. 16135 del 28 luglio 2020, ha affermato che l’assegnazione dei buoni pasto è di competenza esclusiva del datore di lavoro, ben potendo legittimamente scegliere quest’ultimo, in via unilaterale, di non erogarli più, con conseguente rigetto delle doglianze di un dipendente che aveva reclamato l’illegittima decisione del datore di lavoro di non corrisponderli più.

Indietro

Scritto il 05/08/2020 , da Redazione: Galli Gianluca

Giurisprudenza

Articoli correlati
Orario di lavoro

ARAN – Orientamento applicativo Comparto Funzioni locali pubblicato in data 16 gennaio 2023 – CFL197

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale