Pagamento lampade votive

Risposta al quesito dell'Avv. Elena Conte

Quesiti

Lampade votive. Si richiede se un avviso pagopa scaduto può essere rigenerato con una nuova scadenza.

Risposta

Si premette che il problema prospettato non è tanto del PSP o di pagoPA, ma dipende anche da come l’Ente Creditore che invii l’avviso gestisca la scadenza. Da un punto di vista tecnico, il protocollo realizzato da pagoPA per il pagamento ad iniziativa PSP (modello 3) prevede, prima dell’effettiva riscossione del dovuto, una comunicazione con la quale il PSP chiede all’Ente Creditore (tramite il suo partner/intermediario) una verifica del pagamento. In questa sede, l’Ente creditore ha l’opportunità di comunicare:

  • se il pagamento è dovuto ed eventuali variazioni di importo intercorse dall’emissione dell’avviso;
  • se il pagamento è stato annullato;
  • se il pagamento è già stato eseguito;
  • se il pagamento è scaduto solo.

Nella prima eventualità il PSP procede con la riscossione del dovuto; altrimenti, il processo di pagamento si interrompe. Il modello 3 prevede l’interazione fra PSP ed Ente creditore al momento del pagamento. Questa situazione fornisce all’Ente creditore l’opportunità di gestire tecnicamente ogni possibile evento intervenuto successivamente all’emissione dell’avviso di pagamento, dandone tempestiva comunicazione al pagatore. Si tratta di una importante innovazione che consente di tutelare il pagatore evitando, per esempio, di incorrere in pagamenti incapienti, non dovuti o ripetuti. Il processo di pagamento, tuttavia, non dipende da quale avviso (analogico o digitale) sia stato innescato.

Ciò chiarito, per problematiche implementative e chiarimenti tecnici è necessario scrivere ad attivazionepagopa@agid.gov.it ove poter rivolgere anche il quesito proposto.

Quindi, la risposta è in senso positivo; infatti, è stato descritto come funziona il sistema di scambio delle informazioni ed il ruolo determinante dell'Ente creditore.

Dal punto di vista pratico, però, viste le mille variabili informatiche e la possibile intermediazione di un partner tecnologico dell'ente locale è opportuno far riferimento a quell'indirizzo email in caso di problematiche tecniche. 

31 luglio 2020               Elena Conte


Scritto il 03/08/2020 , da Conte Elena

Quesiti

Articoli correlati

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale