I richiami dell’Anac in merito all’affidamento di incarichi legali: necessario il rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza, anticorruzione e rotazione richiesti dal codice dei contratti pubblici

ANAC – 16 giugno 2022

Servizi Comunali Incarichi professionali

Autorità Nazionale Anticorruzione

Incarichi legali discrezionali ai soliti avvocati, Anac richiama la Società trasporti del Lazio

Data:
16 giugno 2022

Incarichi legali discrezionali. Anac richiama Cotral spa

La Cotral Spa, società in house della Regione Lazio concessionaria del servizio di trasporto pubblico locale extraurbano nel Lazio, ha affidato la maggior parte degli incarichi legali degli ultimi anni a una cerchia ristretta di nove avvocati individuati mediante scelte puramente fiduciarie “in spregio” ai principi di imparzialità, trasparenza, anticorruzione e rotazione richiesti dal codice dei contratti pubblici.
E’ quanto ha stabilito Anac, dopo un’approfondita istruttoria, che si è tradotta in un 
Atto del Presidente, approvato dal consiglio il 18 maggio scorso, al termine di un procedimento di vigilanza sulla società laziale.

I fatti

Per 637 incarichi legali sono stati liquidati circa 4,4 milioni di euro. Di questi, circa 3 milioni di euro sono stati liquidati a soli nove professionisti, che si sono visti affidare 483 dei 637 incarichi legali nel quinquennio 2017-2021. In particolare a Giampiero Proia sono stati liquidati 726.500 euro per 152 incarichi, a Sonja Puglionisi 196.400 euro per 47 incarichi, a Fabrizio Paragallo 357.000 euro per 55 incarichi, a Cristiano Annunziata 451.552 euro per 34 incarichi. A Marcello Cardi e Enrico Boursier Niutta 615.650 euro per 79 incarichi, a Giuseppe Gallo 200.163 euro per 40 incarichi, a Enzo Morrico 190.853 euro per 30 incarichi, a Mario Assennato 183.757 per 46 incarichi.

Gli importi erogati ai nove avvocati hanno determinato, secondo Anac, “ingiustificate rendite di posizione in favore di un ristretto numero di professionisti, a discapito dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità e pubblicità”. Da ciò è conseguito “il consolidamento di posizioni di vantaggio in capo ai legali più frequentemente affidatari”, in assenza di motivazioni idonee a giustificare la reiterazione degli incarichi agli stessi professionisti.
 

La difesa di Cotral spa

La società ha spiegato di non essere dotata di un servizio legale interno e che “procede al conferimento di incarichi legali specifici e puntuali nel momento in cui si determina la necessità di tutelare in giudizio le ragioni dell’azienda”. Ha ricordato di non aver istituito alcun Albo dal quale attingere i nominativi dei legali esterni poiché il precedente elenco Avvocati era stato abolito nel 2014 dando mandato al Presidente di affidare gli incarichi di patrocinio legale sulla base di professionalità e fiducia. A partire dal 2014 l’Azienda ha dunque affidato gli incarichi di patrocinio legale attraverso atti di indirizzo del Presidente e/o Direttore Generale sulla base della “pregressa proficua collaborazione professionale maturata” e della “accertata competenza tecnica specifica nelle materie oggetto del contenzioso”.

A seguito dell’entrata in vigore delle Linee Guida N. 12 di Anac è stata formalizzata una proposta al Cda per l’istituzione di un nuovo Albo degli Avvocati e relativo Regolamento per il conferimento degli incarichi legali. L’approvazione di tale proposta è stata sospesa “in attesa che si chiarisse il quadro normativo di riferimento”.

I rilievi Anac

L’Autorità ricorda che Cotral spa è una società in house e in quanto tale assoggettata all'integrale rispetto del Codice dei contratti pubblici. Non si comprendono le motivazioni che hanno spinto la società ad abolire l’elenco degli avvocati: la scelta di demandare ai vertici le decisioni sui conferimenti degli incarichi legali è in distonia con i principi di imparzialità, trasparenza, pubblicità e parità di trattamento del Contratti pubblici perché comporta una eccessiva discrezionalità in capo ai vertici societari.

La Cotral avrebbe dunque dovuto preventivamente definire un elenco di avvocati, una short list, mediante un avviso sul sito istituzionale dell’ente al fine di garantire la massima trasparenza e la massima concorrenza. Per Anac c’è una grave carenza di applicazione di tutti i presidi anticorruttivi e di trasparenza indicati dalle Linee guida n.12 dell’Autorità, con la conseguente violazione dei principi dell'Unione europea richiamati dal Codice appalti. Nove avvocati hanno ricevuto 483 incarichi sui 637 complessivamente affidati nel quinquennio, determinando così una posizione di indubbio vantaggio in assenza di motivazioni idonee a giustificare una deroga così ampia al principio di rotazione previsto dal Codice appalti. 

Conclusioni

La gestione societaria della Società in house della Regione Lazio si è mossa, dunque, in distonia con i principi di buon andamento e di imparzialità previsti dall’articolo 97 della Costituzione in virtù dell’assenza di una “short list” da cui attingere per poter conferire i singoli incarichi legali mediante una procedura trasparente, oggettiva ed imparziale.
La gestione di un contenzioso molto consistente sia per quanto il numero degli incarichi affidati (mediamente 140 incarichi ogni anno), sia per i compensi liquidati (circa 4,4 milioni di euro nelle annualità 2017-2021), consiglierebbe di valutare la costituzione di un Ufficio Legale interno. Considerato l’elevato contenzioso aziendale cui dover far fronte, infatti, una scelta del genere, secondo Anac, potrebbe comportare risparmi rilevanti per l’Amministrazione.

 

Atto del Presidente del 18 maggio 2022 - prot. 41622.2022.pdf

0.16MB

 

Ultimo aggiornamento16/06/2022, 11:07


Scritto il 17/06/2022

News

Non hai trovato le informazioni che stavi cercando?

Poni un quesito ai nostri esperti

CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed operatori degli enti locali: ricco di contenuti sempre aggiornati, il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, in modo semplice e veloce, ad approfondimenti, informazioni, adempimenti, modelli e risposte operative per una gestione efficiente e puntuale dell'attività amministrativa.

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale