Ammortizzatori sociali e dubbi da districare - Approfondimenti - La Posta del Sindaco 
la posta del sindaco
la posta del sindaco
Accedi Registrati



Ammortizzatori sociali e dubbi da districare

La Rivista del Sindaco 10/07/2020 Approfondimenti

Tra norme e modifiche alle stesse apparse negli ultimi mesi, il quadro degli ammortizzatori sociali previsti dal governo per portare aiuti in seguito all’emergenza per il Covid-19 è tutt’altro che chiaro. Muoversi attraverso l’intrico di misure disposte risulta complicato; tanto le disposizioni legislative che le indicazioni di prassi sono comparse a raffica. Sono ben 25 gli atti emanati dall’Inps dal 12 marzo ad oggi, tra messaggi e circolari, a cui si aggiungono le disposizioni interne, i comunicati stampa e le ovvie Faq per cercare di portare chiarezza.

In primo luogo, la difficoltà per un’azienda è quella di individuare lo strumento al quale può accedere, non essendo stata predisposta una univoca tipologia di integrazione salariale Covid. Tra le opzioni ci sono: cassa integrazione ordinaria, cassa integrazione per il settore agricolo (Cisoa), cassa integrazione in deroga (con una specifica differenza per aziende con sedi in oltre cinque regioni), assegno ordinario del Fondo di integrazione salariale (Fis) o dei Fondi di solidarietà bilaterali alternativi. Altra regola interviene per le aziende che avevano già in corso trattamenti di cassa integrazione straordinaria o assegni di solidarietà del Fis all’inizio dello scoppio dell’emergenza.

Anche le procedure gestionali cambiano a seconda dell’istituto, riguardo le durate, istanze e tempistiche da rispettare per criteri di fruizione, adempimenti e modalità di pagamento. Lo stesso apparato di regole si sta ancora evolvendo senza essere in procinto di giungere a una netta definizione; anche dopo il punto di riferimento portato con il Dl 18/2020 del “Cura Italia”, che la legge 27/2020 ha convertito, ci sono state modifiche in fase di conversione di legge con il Dl 34/2020.

Intanto gli ispettori hanno iniziato i controlli sui comportamenti tenuti dai datori di lavoro; dopo la sospensione causata dallo scoppio dell’emergenza da Covid-19, l’Ispettorato nazionale del lavoro ha avviato le verifiche sulla legittima e corretta fruizione degli ammortizzatori sociali per l’emergenza, da parte dei lavoratori interessati e delle aziende. Tra i compiti dell’azienda c’è quello di controllare se le norme richiedono specifici accordi ed in caso raggiungerli, oltre che il rispetto degli obblighi di informativa e consultazione sindacale.


Articolo di Luigi Franco
Giornalista pubblicista dal 2004, si è occupato di marketing territoriale, autonomia scolastica, normativa sulla Privacy, e-government e tematiche di interesse delle amministrazioni locali.


Articoli Correlati

  22/07/2020       Approfondimenti
  20/07/2020       Approfondimenti


Torna alla Rivista del Sindaco

Ultimi aggiornamenti



CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed enti locali: ricco di notizie e dati il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, consultare e confrontare i bilanci e i dati finanziari degli enti territoriali in modo semplice e veloce. L'obiettivo è fornire informazioni, materiali, contributi per una gestione efficiente e trasparente degli Enti Locali

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale