Mandato dei sindaci allungato a causa del coronavirus - Dirigenza degli Enti Locali - La Posta del Sindaco 
la posta del sindaco
la posta del sindaco
Accedi Registrati



Mandato dei sindaci allungato a causa del coronavirus

La Rivista del Sindaco 11/05/2020 Dirigenza degli Enti Locali

A causa dell’emergenza sanitaria che ha sconvolto il Paese, il mandato dei sindaci è prolungato di sei mesi: le elezioni previste per maggio sono quindi rinviate in autunno, tra settembre e novembre. La tornata per le comunali, allo stesso modo del referendum per tagliare i parlamentari e al voto per le regionali, è stata rinviata a data da destinarsi dal governo. Una decisione che ha avuto già la sua quota di critiche, come ad esempio in Sicilia, dove è stato invocato il commissariamento dei Comuni al voto fino alla fine dell’epidemia.

Al fine di “risparmiare tempo e risorse”, il ministro per i Rapporti col parlamento, Federico D’Incà, ha avanzato la proposta di un election day tra settembre e ottobre. Mentre per “garantire alti elettori l’inalienabile diritto a esprimersi nei tempi più rapidi possibili” sono stati chiesti voti a luglio per gli organi regionali; proposta avanzata da quattro governatori uscenti delle sette Regioni chiamate alle urne (Luca Zaia in Veneto, Giovanni Toti in Liguria, Vincenzo De Luca in Campania e Michele Emiliano in Puglia). Mentre la commissione Affari istituzionali dell’assemblea regionale ha approvato, per la Sicilia, un documento per confermare che le elezioni comunali saranno rinviate “nei giorni di domenica e lunedì sino alle 14:00 nel periodo dal 15 settembre al 15 novembre”, l’Udc ha avanzato ben altra proposta, tramite la deputata regionale Eleonora Lo Curto: il commissariamento per i Comuni siciliano (ben 61) i cui sindaci risulterebbero uscenti. Per ovviare alla durata limite di cinque anni delle cariche elettive, la Lo Curto ha presentato “ un emendamento che sancisce la fine naturale delle consiliature e impone alla Regione la nomina dei commissari nei Comuni. La Regione potrà nominare commissari straordinari in tutti gli enti interessati sino allo svolgimento delle elezioni previste in autunno”. Le ragioni dietro alla proroga proposta sono state giudicate pretestuose dalla Lo Curto: non si può credere che “l’emergenza Covid-19 giustifichi tale proroga”.

La stessa proposta dell’Udc non è però stata ben accettata, suscitando la reazione della maggior parte dei primi cittadini siciliani, di diverse fazioni e tanto uscenti quanto in carica. Per gli 82 amministratori dei centri provincia di Palermo il provvedimento Lo Curto è “inammissibile”, portando anche altri sindaci palermitani ad inviare una lettera a Gianfranco Miccichè, presidente dell’assemblea regionale, per di richiedere un voto “in modo palese e non segreto” per la proroga degli amministratori, allo scopo di far sapere ai cittadini chi voterà a favore “dell’approvazione di questo obbrobrio”. Intanto, è intervenuta anche l’Anci della Sicilia, che richiede “un percorso lineare che non legittimi alcuna forma di indebito commissariamento”.


Articolo di Massimo Chiappa
Laureato, giornalista pubblicista da oltre 20 anni. Segretario comunale in pensione. Ha svolto l'attività di consulente nel campo degli enti locali, creando e curando prodotti editoriali per la pubblica amministrazione.


Articoli Correlati

  17/09/2020       Dirigenza degli Enti Locali
  08/09/2020       Dirigenza degli Enti Locali
  29/07/2020       Dirigenza degli Enti Locali


Torna alla Rivista del Sindaco

Ultimi aggiornamenti



CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed enti locali: ricco di notizie e dati il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, consultare e confrontare i bilanci e i dati finanziari degli enti territoriali in modo semplice e veloce. L'obiettivo è fornire informazioni, materiali, contributi per una gestione efficiente e trasparente degli Enti Locali

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale