Viminale, stanziati 20 milioni di euro per sostenere i migranti - Qualità della PA - La Posta del Sindaco 
la posta del sindaco
Accedi Registrati

Viminale, stanziati 20 milioni di euro per sostenere i migranti

14/08/2019 Qualità della PA

Altri contributi verranno integrati al fondo dedicato all’asilo, migrazione ed integrazione 2014-2020, per un totale di 20 milioni di euro, il tutto grazie ad un nuovo bando che avrà lo scopo di sostenere l’autonomia socio-economica dei soggetti sotto protezione internazionale. Per essere ammessi al finanziamento, bisogna inviare il modulo presente sul sito https://fami.dlci.interno.it/fami entro e non oltre il 15 ottobre 2019.

Il budeget complessivo di ogni progetto non dovrà essere inferiore ai 100 mila euro, perna l’inammissibilità al bando, e sarà interamente coperto grazie proprio al contributo contenuto all’interno del bando stesso.

I soggetti che potranno beneficiare di tali contributi sono le Regioni Ordinarie e quelle a Statuto Speciale, le Province Autonome, le associazioni, i concorsi e gli Enti Locali con relative unioni. Sono inoltre ammesse al bando, le aziende sanitarie ed ospedaliere assieme a camere di commercio, istituti scolastici ed universitari e gli organismi internazionali, come Onlus e Organizzazioni Non Governative (ONG).

I progetti per essere ammessi dovranno essere finalizzati alla promozione dell’autonomia dei titolari di protezione internazionale, facendo fuoriuscire gli stessi dal circuito dell’accoglienza, attraverso percorsi individuali di inserimento nella società. Questi percorsi prevedono l’erogazione di vari servizi, al fine di migliorare il processo di integrazione ed autonomia.

Le attività relative ai progetti dovranno però concludersi entro e non oltre il 31 dicembre 2021.

I destinatari finali di tale progetto sono tutti quei titolari di protezione internazionale che sono usciti da non oltre 18 mesi dal circuito dell’accoglienza. Sono previsti progetti dedicati all’inserimento lavorativo, sociale ed abitativo, ad esempio potranno essere inseriti servizi di housing e co-housing sociale oppure strumenti utili al supporto economico per le utenze o all’acquisto di arredi. Tra le possibilità previste dal bando, si parla anche di quella relativa al riconoscimento e alla certificazione delle abilità già acquisite, assieme alla creazione di corsi formativi, assistenza legale, orientamento e all’acquisto di attrezzature legate al lavoro.

Gli Enti che beneficeranno di tali fondi, dovranno garantire la presenza di gruppi di lavoro con competenze e formazione adeguata, al fine di fornire un adeguato servizio ai destinatari del provvedimento.


Articolo di Loris Pecchia
Laureato in Scienze Politiche e relazioni internazionali con specialistica in Indirizzo dell’amministrazione e dell’organizzazione pubblica. Svolge le attività di revisione FAQ e di segreteria presso la Halley Informatica dal 2013.


Articoli Correlati



Torna alla Rivista del Sindaco

Ultimi aggiornamenti



CHI SIAMO

La posta del Sindaco è un servizio rivolto ad amministratori ed enti locali: ricco di notizie e dati il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, consultare e confrontare i bilanci e i dati finanziari degli enti territoriali in modo semplice e veloce. L'obiettivo è fornire informazioni, materiali, contributi per una gestione efficiente e trasparente degli Enti Locali

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale