La CdP da il via al Prestito Investimenti Conto Termico - Qualità della PA - La Posta del Sindaco 
la posta del sindaco
Accedi Registrati



La CdP da il via al Prestito Investimenti Conto Termico

La Rivista del Sindaco 20/06/2019 Qualità della PA

L’efficientamento energetico è di vitale importanza ai giorni d’oggi, non solo per i privati, ma anche per la Pubblica Amministrazione. Dallo scorso 7 Giugno infatti, Cassa Depositi e Prestiti ha pensato di collocare ai Comuni, alle Province e alle Città Metropolitane, il Prestito Investimenti Conto Termico.

Questo nuovo finanziamento serve a velocizzare la realizzazione degli investimenti in materia energetica, dalle migliorie in materia di efficienza agli interventi strutturali necessari alla produzione di energia termica attraverso fonti rinnovabili.

Tutto questo viene reso possibile grazie alla copertura finanziaria completa degli investimenti, fornita dal Gse (Gestore dei servizi energetici). Tali investimenti per essere ammessi alla copertura dovuta dall’incentivo non dovranno essere stati appaltati alla data di richiesta.

Successivamente, sta alla PA dimostrare l’avvenuta ricezione della lettera di accettazione della prenotazione (Api) da parte del gestore. All’Ente locale spetta il rimborso anticipato della prima rata del prestito senza oneri aggiunti. La CdP ha inoltre deciso che l’importo minimo che è possibile erogare è di 5mila euro, il tasso invece, di natura variabile verrà preso dai tassi Euribor vigenti, maggiorati da uno spread, calcolato con le stesse modalità utilizzate in altri prestiti.

Il beneficiario del prestito, possiederà in prima istanza il vantaggio di scegliere, al momento della richiesta, il periodo di ammortamento, da un minimo di 5 ad un massimo di 20 anni, con durate intermedie a 10 e 15 anni.

Gli Enti, durante il periodo di utilizzo potranno chiedere delle erogazioni, basandosi sulle procedure standard della Cassa Depositi e Prestiti, scegliendo se ricorrere ad una somma unica o dilazionata in più rate, seguendo la documentazione prodotta dall’Ente relativa alle spese sostenute, fino al raggiungimento della somma concessa.

La particolarità di questo nuovo strumento risiede nella volontà sia di aiutare gli Enti Locali con la messa in opera dei loro investimenti, sia nel portare all’interno della Pubblica Amministrazione la mentalità relativa allo sviluppo sostenibile.


Articolo di Andrea Bevilacqua
Diplomato in Ragioneria nel 2009, si occupa di copywriting per conto di numerose testate di carattere sia turistico sia legate alla PA.

Ultimi aggiornamenti



CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed enti locali: ricco di notizie e dati il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, consultare e confrontare i bilanci e i dati finanziari degli enti territoriali in modo semplice e veloce. L'obiettivo è fornire informazioni, materiali, contributi per una gestione efficiente e trasparente degli Enti Locali

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale