LE PROVINCE RIVENDICANO AUTOREVOLEZZA, RISORSE E AUTONOMIA FINANZIARIA - Le Nuove Province - La Posta del Sindaco 
la posta del sindaco
Accedi Registrati



LE PROVINCE RIVENDICANO AUTOREVOLEZZA, RISORSE E AUTONOMIA FINANZIARIA

La Rivista del Sindaco 02/07/2018 Le Nuove Province

I presidenti, riunitisi in assemblea a Bergamo, chiedono al nuovo Governo di intraprendere una serie di misure urgenti



Dopo essersi riuniti in assemblea a Bergamo il 27 e 28 giugno appena trascorsi, i presidenti delle Province italiane chiedono al Governo una profonda riforma della Legge Delrio perché, a loro giudizio, il ruolo degli Enti dei quali sono a capo va ripensato radicalmente. Alle Province va restituita “dignità, autonomia e autorevolezza”. Tanto per cominciare, secondo i presidenti, il sistema elettorale introdotto dalla riforma - pensato in origine come transitorio – presenta delle “evidenti criticità”. Alle quali, peraltro, occorrerebbe mettere mano in fretta visto che, tra settembre e gennaio prossimi, scadranno i mandati di 48 presidenti e di 70 Consigli su 76 Province delle Regioni a statuto ordinario. Secondo l’Unione delle Province d’Italia Governo e Parlamento dovrebbero prendere una decisione: o si torna indietro ad un sistema a suffragio universale di elezione diretta oppure, se si vuole mantenere l’attuale elezione di secondo grado, il sistema deve essere rivisto totalmente. Qualunque decisione venga presa, la richiesta partita da Bergamo è che venga concessa una proroga ai mandati in scadenza, fino a gennaio 2019, “in attesa di una disciplina organica sul sistema elettorale delle Province, coerente con la Costituzione”.
 
Ma questa è soltanto una delle questioni messe sul tavolo a Bergamo. Achille Variati, presidente della Provincia di Vicenza e dell’Upi, aprendo i lavori dell’assemblea, ha dichiarato: «Bisogna restituire autorevolezza alle Province, bisogna tornare ad assicurare autonomia finanziaria e risorse per assicurare i servizi ai cittadini. Serve personale qualificato per fare ripartire la macchina amministrativa. La crisi finanziaria causata dai tagli manifestamente irragionevoli delle manovre finanziarie, è tutt'altro che risolta: 3 Province sono in dissesto, 11 in pre-dissesto; non tutte hanno ancora approvato il bilancio 2018 -2020;  quelle che hanno approvato il bilancio triennale, sono riuscite a farlo solo con operazioni contabili, senza garantire la piena copertura delle spese per le funzioni fondamentali e i servizi ai cittadini». «Mancano a regime 280 milioni – ha proseguito Variati - 90 milioni nel 2018, che sono il totale di risparmio eccessivo di spesa per personale a seguito del riordino delle funzioni, calcolato in maniera errata nel 2014». Il presidente ha poi presentato altre richieste che, nell’intenzione delle Province, andrebbero accolte subito dal Governo attraverso un disegno di legge da licenziare appositamente per gli enti locali. Tra queste: l’assegnazione di 90 milioni di euro destinati all’esercizio delle funzioni fondamentali e per il conseguimento degli equilibri di parte corrente; la fine dell’azzeramento dei flussi finanziari delle Province che invece si sta verificando per i recuperi operati dallo Stato, a fronte dei mancati versamenti dei tagli imposti dalle manovre, a valere sull’imposta Rc auto e su quella provinciale di Trascrizione; la disapplicazione delle sanzioni alle Province per il mancato saldo di finanza pubblica per il 2017, anche per non vanificare l’opportunità rappresentata dallo sblocco del turn over; la creazione di un fondo sperimentale di riequilibrio per le Province e le Città metropolitane, copertura necessaria per garantire l’immediata assegnazione delle rispettive risorse agli Enti. Infine, il varo di una norma che, in coerenza con le disposizioni della Costituzione, riconduca pienamente, e con effetto immediato, la disciplina delle Province nell’ambito dell’ordinamento degli enti locali, con l’obiettivo di dare una prospettiva certa all’assetto e al funzionamento delle Province quali istituzioni costitutive della Repubblica, al pari dei Comuni e delle Città metropolitane.
Articolo di Luigi Franco
Giornalista pubblicista dal 2004, si è occupato di marketing territoriale, autonomia scolastica, normativa sulla Privacy, e-government e tematiche di interesse delle amministrazioni locali.


Articoli Correlati

  02/07/2018       Le Nuove Province
  19/04/2018       Le Nuove Province
  12/01/2018       Le Nuove Province


Torna alla Rivista del Sindaco

Ultimi aggiornamenti



CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed enti locali: ricco di notizie e dati il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, consultare e confrontare i bilanci e i dati finanziari degli enti territoriali in modo semplice e veloce. L'obiettivo è fornire informazioni, materiali, contributi per una gestione efficiente e trasparente degli Enti Locali

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale