Con il Dl agosto lo sblocca debiti PA allunga al 9 ottobre i termini - Scadenze - La Posta del Sindaco 
la posta del sindaco
la posta del sindaco
Accedi Registrati



Con il Dl agosto lo sblocca debiti PA allunga al 9 ottobre i termini

La Rivista del Sindaco 20/08/2020 Scadenze

Con il decreto d’agosto, il Governo offre un’altra possibilità a comuni, regioni e ASL di accedere alle anticipazioni di liquidità destinate al pagamento di imprese e fornitori che vantano crediti verso la pubblica amministrazione. Già a maggio, nel decreto anti-crisi, il Governo aveva organizzato uno “sblocca debiti”, stanziando 12 miliardi di euro, destinati al pagamento di debiti certi, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2019, contratti da ASL ed enti territoriali.

Con lo “sblocca debiti” si mirava ad estinguere i pendenti arretrati delle pubbliche amministrazioni locali, che stando all’ultimo monitoraggio del Mef ammontano a quasi 4 miliardi di euro, per quanto riguarda le fatture più vecchie, che a fine 2019 risultano scadute da almeno 12 mesi. Eppure, al 7 luglio scorso, tale aiuto rimaneva poco sfruttato, con solo poco più del 10% della spesa resa disponibile dal Governo prenotate tramite Cdp e prestiti, per ottenere le anticipazioni di liquidità. Eppure si parla di restituzione delle somme con un tasso di interesse ultra-ridotto e una tempistica che può raggiungere i 30 anni di dilazione.

Questa seconda possibilità di ottenere le liquidità necessarie a pareggiare i debiti contratti dalle PA si aprirà il 21 settembre 2020, restando disponibile fino al 9 ottobre 2020 (come riportato nella bozza del Dl agosto, articolo 53). Nel precedente aiuto, i 12 miliardi a disposizione erano così suddivisi: 8 per il pagamento di debiti commerciali di Enti locali, Regioni e Province Autonome; 4 per estinguere i debiti degli enti operanti per il servizio sanitario nazionale.

La Giunta dovrà deliberare la richiesta a valere sulle risorse residue della “Sezione per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali e delle regioni e province autonome per debiti diversi da quelli finanziari e sanitari”, sempre che non abbia già ottenuto la concessione dell’anticipazione di liquidità, entro il 24 luglio 2020. Se accettata la richiesta, entro il 23 ottobre 2020 le anticipazioni verranno concesse e potranno essere sfruttate per far fronte ai vecchi debiti, e anche per far partire nuove operazioni. Il tasso di interesse fisso e stabilito al 1,226% e con una durata massima di trenta anni, in rate costanti e comprensive di capitale ed interessi, con la prima scadenza entro il 31 ottobre 2022, e poi a cadenza annuale.


Articolo di Luigi Franco
Giornalista pubblicista dal 2004, si è occupato di marketing territoriale, autonomia scolastica, normativa sulla Privacy, e-government e tematiche di interesse delle amministrazioni locali.

Ultimi aggiornamenti



CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed enti locali: ricco di notizie e dati il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, consultare e confrontare i bilanci e i dati finanziari degli enti territoriali in modo semplice e veloce. L'obiettivo è fornire informazioni, materiali, contributi per una gestione efficiente e trasparente degli Enti Locali

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale