Riciclo pneumatici: nuove regole da 5 agosto - Osservatorio della settimana - La Posta del Sindaco 
la posta del sindaco
la posta del sindaco
Accedi Registrati



Riciclo pneumatici: nuove regole da 5 agosto

La Rivista del Sindaco 06/08/2020 Osservatorio della settimana

Con la Gazzetta Ufficiale del 21 luglio 2020 è giunto infine il Dm Ambientale 78/20, riguardo l’End of waste (fine del rifiuto) degli pneumatici fuori uso Pfu), che si attendeva da anni dopo essere passato al vaglio  di due notifiche della Commissione Ue e di quattro pareri del Consiglio di Stato. Il Dm Ambiente 78/20 entrerà ufficialmente in vigore dal 5 agosto 2020, e porta all’individuazione dei criteri stando ai quali la gomma vulcanizzata ottenuta dal riciclo degli pneumatici fuori uso non viene più qualificata come rifiuto, ai sensi dell’art 184-ter, Dlgs 152/06.

L’adozione di un decreto serve a dare più uniformità alle autorizzazioni sul territorio nazionale, ed a un accostamento dei criteri di verifica del materiale in ingresso, delle modalità di lavorazione e dei sistemi di controllo, fermo restando che la concessione dell’End of waste è sempre concessa dalle Regioni caso per caso.

Il decreto porta la gomma vulcanizzata ad essere considerata un End of waste denominato gomma vulcanizzata granulare (o Gvr), facendo un netto passo in avanti per quanto riguardo l’avviamento di un’economia circolare del settore gomma riciclata e per il comparto riciclo dei pneumatici stesso. Tale gomma vulcanizzata per essere considerata Gvr, dovrà però attenersi a degli standard tecnici, come previsti dall’allegato 1 al Dm, in cui si parla di: limiti delle sostanze da ricercare; caratteristiche fisico-geometriche della Gvg; verifiche. Inoltre andrà impiegata solo per scopi specifici, come indicati nell’allegato 2 del Dm, quali ad esempio i conglomerati bituminosi.

Ci sono però anche degli esclusi tra i rifiuti in gomma: gli pneumatici da bicicletta, quelli derivanti da stock sotterrati, abbandonati o storici, e gli scarti di produzione di articoli tecnici in gomma. Il riciclatore (ovvero il produttore) dovrà attestare il rispetto dei criteri per mezzo di una dichiarazione di conformità (Ddc), da stilare una volta terminato il processo produttivo di ogni lotto, sul modulo presente nell’allegato 3 del Dm. Tale modulo andrà poi spedito in forma telematica all’autorità competente e all’Arpa, secondo le regole del Codice dell’amministrazione digitale (dall’articolo 65 del Dlgs 82/05), oltre ad essere conservato presso la propria sede legale o l’impianto di produzione. Per controllare che i requisiti richiesti dall’allegato 1 sia validi, un campione di Gvr andrà prelevato al termine del processo produttivo e conservato per 5 anni, come da norma Uni 10802:2013. Le imprese registrate Emas o certificate Iso 14001 possono essere escluse da tale adempimento, sempre che il sistema di gestione rispetti i criteri 1 del Dm.

I produttori direttamente coinvolti, hanno tempo fino al 1° febbraio 2021 per adeguarsi al nuovo sistema, presentando un aggiornamento della comunicazione effettuata per il recupero agevolato all’autorità competente.


Articolo di Luigi Franco
Giornalista pubblicista dal 2004, si è occupato di marketing territoriale, autonomia scolastica, normativa sulla Privacy, e-government e tematiche di interesse delle amministrazioni locali.


Articoli Correlati

  24/09/2020       Osservatorio della settimana
  07/09/2020       Osservatorio della settimana
  31/08/2020       Osservatorio della settimana


Torna alla Rivista del Sindaco

Ultimi aggiornamenti



CHI SIAMO

La posta del Sindaco è rivolto ad amministratori ed enti locali: ricco di notizie e dati il cuore del portale risiede nella possibilità di accedere, consultare e confrontare i bilanci e i dati finanziari degli enti territoriali in modo semplice e veloce. L'obiettivo è fornire informazioni, materiali, contributi per una gestione efficiente e trasparente degli Enti Locali

La Posta del Sindaco - ISSN 2704-744X

INFORMAZIONI

Ricevi via email i nuovi contenuti pubblicati nel portale